I ventilatori ad Acqua come alternativa ai Condizionatori

Uno dei punti deboli dei condizionatori d’aria è sicuramente rappresentato dal loro eccessivo consumo. La tecnologia è andata avanti, ora molti modelli sono in classe A++, un inverter da 9000 Btu a regime non consuma più di 400-500 watt. E’ comunque tanto. Mezzo chilowatt l’ora significa spendere circa 10 centesimi di euro circa ogni 60 minuti. L’alternativa da prendere in considerazione per chi non ama l’aria condizionata e vuole risparmiare sulla bolletta energetica è rappresentata dai ventilatori ad acqua.

Come funzionano questi raffrescatori?

Lo spiegheremo in maniera semplice: avete un ventilatore in casa? Mettevi ad una distanza di 1 metro circa. Ora prendete un blocco di ghiaccio e ponetelo davanti al ventilatore. Avete una sensazione di maggiore freschezza? I ventilatori ad acqua funzionano così. Pale che girano per smuovere l’aria davanti alle quali è posta acqua o ghiaccio.

Sul mercato ci sono tanti modelli. All’apparenza sembrano dei normali condizionatori portatili, ma basta dare un’occhiata all’etichetta dei consumo per capire che non si tratta di aria condizionata. Un ventilatore ad acqua infatti consuma una cinquantina di watt, molto poco.

ventilatore_ad_acqua

Ventilatori ad acqua sono anche quelli che vediamo spesso nelle piazzole dei bar all’aperto, vicino ai tavolini. In questi casi si tratta di ventilatori con un nebulizzatore. Un tubicino spruzza acqua ad intervalli regolari che viene spinta dalle pale del ventilatore. Percepiamo una maggiore freschezza.

L’acqua arriva dal serbatoio posto all’interno del ventilatore o in alcuni casi dall’allaccio diretto al rubinetto. Uno dei modelli più economici è sicuramente quello di Argo, il suo Polifemo Breeze
è un ventilatore ad acqua con una tanica da 2,5 litri che garantisce un’autonomia di 8 ore per uno prezzo di 120 euro.

VENTILATORE ACQUA OFFERTA

Ci sono poi i raffrescatori ad acqua un po’ più professionali. Sicuramente quelli di Art Deco sono molto efficaci anche se il consumo è simile a quello di un condizionatore. In questo caso sono da preferire a chi non ama o ha problemi con l’aria condizionata. Il Cyclone 2000 ha un consumo dichiarato di 400 watt. Ha una riserva di acqua di 38 litri e la casa madre garantisce un abbassamento di temperatura di 7 gradi Centigradi. Il consumo medio di acqua è di 4-6 litri l’ora e può rinfrescare una stanza di circa 45 mq. Dotato di rotelle può essere facilmente trasportabile.

Il Bimar ha un serbatoio da 20 litri con 2 mattonelle per il ghiaccio in dotazione, timer per accensione e spegnimento automatico e funzione Ionizzante per rimuovere la polvere, 3 modalità di ventilazione: Normal / Sleep / Natural, 3 velocità minimo, medio e massimo, Volume d`aria trattata alla massima velocità 450m3 l’ora.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *